Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner


Come sarebbe svegliarsi all'improvviso senza sapere o ricordare più nulla?

Kyra Winthrop ha trentaquattro anni ed è una biologa marina. E' tutto quello che sa di se stessa, perché a causa di un incidente avuto durante un'immersione ha subito una rara e devastante perdita della memoria.
Dal giorno in cui si è risvegliata su un letto d'ospedale, Kyra vive senza un passato, eccetto quei brevi lampi che squarciano per pochi secondi il buio totale dei ricordi. Il suo mondo si è ridotto alle poche amicizie (di cui non ha memoria) sulla piccola e sperdutissima isola dove vive con il marito Jacob, un uomo che le è rimasto sempre fedele e che si prende cura di lei dimostrandole ogni premura. Ma quando strane visioni (o forse ricordi?) iniziano a manifestarsi all'improvviso, Kyra percepisce che c'è qualcosa che non va. L'unica cosa che può fare è ricordare, rimettendo insieme i pezzi del suo passato.

Copertina originale
Era una moglie perfetta è un thriller psicologico di 288 pagine che si legge in un solo pomeriggio. Non solo, infatti, lo stile risulta fin da subito facilmente scorrevole, piacevole e accattivante, ma soprattutto le svolte della trama e il grande clima di attesa e di mistero tengono il lettore letteralmente incollato alle pagine.
Tutta la vicenda è narrata da Kyra in prima persona e attraverso i suoi occhi, la sua pelle e i suoi pensieri, noi per primi viviamo la sua storia come ne fossimo i protagonisti. Già a partire dalle prime pagine: il romanzo non si apre, come spesso accade, con il racconto dell'incidente (su cui resterà il mistero fino alla fine). Al contrario noi iniziamo il libro esattamente come Kyra: sapendo il suo nome, l'età e che è una biologa marina; e senza la più pallida idea di quale sia il suo passato o di chi sia stata prima, impariamo a muoverci a tentoni nel suo presente. E scopriamo, un piccolo passo alla volta, tutti i segreti che la circondano.

L'intero racconto è strutturato molto bene, con i vari pezzi del puzzle che mescolati creano solo tante domande e una gran confusione, ma che giunti alla rivelazione finale vanno perfettamente a posto. Ogni scoperta il lettore la fa insieme a Kyra: come lei ci muoviamo in un modo costantemente confusionario tra un presente che non ci quadra del tutto e un passato che ci sfreccia davanti in tante piccole meteore, ma che non riusciamo a stringere tra le mani.

Era una moglie perfetta è un libro che mi è piaciuto molto nella sua scrittura, nella struttura dei suoi tanti personaggi, nell'impostazione della trama e nella varietà e complessità dei temi trattati (unica pecca negativa resta la copertina, che non riesco proprio a farmi piacere). Un romanzo dai risvolti davvero inquietanti, ma che è in grado di spaziare tra e regala mille e più emozioni. Un titolo da non perdere assolutamente.
Buona lettura!



Commenti

Letture del mese

Recensione Multipla "Caraval" by Stephanie Garber

Recensione "Piuma Bianca" by Le Peruggine

Recensione "A Man Like You" by Waje

Recensione "Il segno della tempesta" by Francesca Noto

Recensione "Faximile. 101 riscritture di opere letterarie"

DarkZone- BlogTour Sice: Intervista Doppia