L'Ipotesi del Male - Recensione.


« Una lezione che ho imparato in anni di carriera è che nessuno è davvero interessato alle vittime — non importa niente ai poliziotti, ai media o all'opinione pubblica. Tanto che alla fine tutti ricordano sempre solo il nome dei colpevoli, le vittime vengono dimenticate. — Stephanopulos »

Trama:
Mila Vasquez ha i segni del buio sulla pelle, come fiori rossi che hanno radici nella sua anima. Forse per questo Mila è la migliore in ciò che fa: dare la caccia a quelli che il mondo ha dimenticato, gli scomparsi. Ma se d'improvviso alcuni scomparsi tornassero con intenzioni oscure? Come una risacca, il buio restituisce prima gli oggetti di un'esistenza passata. E poi le persone. Sembrano identici a prima, questi scomparsi, ma il male li ha cambiati. Chi li ha presi? Dove sono stati tutto questo tempo? E perché sono tornati? Mila capisce che per fermare l'armata delle ombre non servono gli indizi, non bastano le indagini. Deve dare all'oscurità una forma, deve attribuirle un senso, deve formulare un'ipotesi convincete, solida, razionale... Un'ipotesi del male.

La trama intrecciata di questo giallo (che è stata presa direttamente dal retro del libro in quanto molto ardua da stendere) vede la protagonista, Mila, che conosce il buio e vi si muove bene dentro: lei è dal buio che viene, ed è al buio che deve ritornare... E anche se parla di ombre, non è un libro di fantascienza, sia chiaro.
Ad essere sincera, ero un po' restia all'idea di un romanzo scritto da un italiano, ma fortunatamente mi sono ricreduta. Donato Carrisi ha una “mano” fluida e limpida che mi ha rapita subito. A primo impatto la situazione potrebbe presentarsi grigia e fosca, addirittura dalle prime pagine, per non dire righe. Le vicende di Mila, però, trascineranno il lettore, o la lettrice, fino alla fine, travolgendolo di colpi di scena e sospiri.
Se il vostro genere è la letteratura gialla, questo libro dovrebbe stare, a mio parere, sulla vostra libreria. L'Ipotesi del Male scova gli scomparsi, e dentro di me ha scovato una parte del mio carattere che non conoscevo e mi ha aiutata a crescere nella lettura. Grazie alla lettura di questa storia ho iniziato a non fare di tutta l'erba un fascio. Adesso sta a voi scoprire la parte del vostro carattere che tenete nascosta sotto un masso! Buona lettura specchietti, andate e scoprite le ombre.

Quest'ultimo lunedì di vacanza (di agosto, per meglio dire) avrebbe dovuto iniziare per voi con qualcosa di allegro, solare e spiritoso. Invece torna la vostra -wonderful fragments° che vi propone una storia un po' cupa, ma avvincente (promesso!). A proposito, mi scuso per la prolungata assenza: dopo aver sostenuto l'Esame di Stato sentivo il bisogno di staccare e sono andata in vacanza. Ma adesso sono di nuovo qui, pronta ad affrontare nuovi viaggi con voi!



-wonderful fragments°

Commenti

Letture del mese

Recensione Multipla "Caraval" by Stephanie Garber

Recensione "Piuma Bianca" by Le Peruggine

Recensione "A Man Like You" by Waje

Recensione "Il segno della tempesta" by Francesca Noto

Recensione "Faximile. 101 riscritture di opere letterarie"

DarkZone- BlogTour Sice: Intervista Doppia