Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett


Lo spazio tra le stelle è una delle uscite estive targate Leggereditore, nonché il libro d'esordio di Anne Crolett (avvocato penalista che ha già pubblicato diversi racconti con cui ha vinto premi nazionali e internazionali). Lo spazio tra le stelle è un romanzo distopico-futuristico che, per citare lo scrittore Jack Campbell, «parla di mondi che finiscono e di rinascite»

In un futuro in cui gli esseri umani hanno colonizzato fin troppi pianeti, tutto ciò che Jamie Allenby ha sempre desiderato è aver spazio intorno a sé, in cui sentirsi finalmente libera. Per questo ha abbandonato la Terra, sovrappopolata e claustrofobica, rifacendosi una vita in un mondo di frontiera, ai bordi della civiltà. Quando però un virus dilagante colpisce l'intera umanità, annientandola e lasciandone solo un vago ricordo, Jamie si ritrova definitivamente sola. Finché un messaggio giunto dalla Terra accende in lei una flebile speranza... Chi è il suo autore? Forse l'amato Daniel? Jamie non può saperlo, ma il desiderio di scoprirlo la spinge a trovare a ogni costo un modo per tornare indietro. Nel ripercorrere a ritroso i fili che legano la propria esistenza, Jamie incontrerà altri uomini e donne alla ricerca della Terra, impegnati come lei in un'avventura irta di pericoli e minacce. I sopravvissuti, reietti intenzionati a proseguire lungo il cammino che ha condotto l'umanità alla perdizione, minacciano infatti di vanificare il loro prezioso inizio...
Il viaggio di Jamie verso casa la aiuterà a chiudere la distanza tra chi è diventata e chi è destinata a essere. Ma si può davvero fuggire da un passato turbolento e abbracciare un futuro ricco di speranza?

Ho riportato tutta la sinossi dell'editore poiché dice tutto e allo stesso tempo non dice niente; ma non per colpa sua. E' difficile inquadrare in modo preciso e definito questo libro (e la sua copertina italiana, che personalmente non approvo, non aiuta a farsene un'idea). Nelle sue 331 pagine Lo spazio tra le stelle è un vero e proprio viaggio. Un viaggio non solo fisico tra un pianeta e l'altro, ma anche un'immersione nell'umanità e in tutte le sue componenti (la psiche, le emozioni, le diversità, le uguaglianze, le credenze, i comportamenti,  le convenzioni, e chi più ne ha più ne metta). Il romanzo è tutto giocato sue due livelli: la storia dei protagonisti e le riflessioni e analisi che da essa ne scaturiscono e che coinvolgono, in prima persona, anche il lettore. Ma c'è anche dell'altro.

Una delle particolarità del libro è che ogni singolo elemento si svela a poco a poco, in una continua scoperta e approfondimento. Vedendo dove si apre il primo capitolo, su una donna alle prese con l'enorme e fredda solitudine che segue la tremenda consapevolezza di essere l'unica sopravvissuta, l'unico essere umano ancora in vita; e vedendo poi dove si è giunti nell'ultima pagina, ci si rende conto della vastità e varietà del cammino compiuto.
Lo spazio tra le stelle ci presenta un mondo futuro che ha tutte le sfumature della distopia, ma noi lo scopriamo e capiamo a poco a poco. Nel suo continuo gioco tra passato e presente dei suoi personaggi e di ciò che li circonda, anche noi lettori viviamo in due tempi diversi. C'è l'universo umano così com'era, nelle sue componenti che lo rendevano reale e quotidiano, e che nel corso della lettura conosciamo e in cui ci immergiamo fino a sentirlo palpabile e presente intorno a noi. Solo che è già finito. Come avviene nelle nostre esistenze, conosciamo e abbiamo certezza di ciò che era e che è stato, ma il presente, e ancora di più il futuro, resta vago, indefinito. E questo lo sperimentano tanto i personaggi quanto i lettori.

I personaggi sono un altro dei pilastri del romanzo. Non importa che siano presenti per tutta la storia o solo per alcune pagine, ognuno di loro ha una propria storia, un proprio modo di essere, credere, pensare, dei demoni da combattere e qualcosa da portare. Approfondendo i vari attori che si alternano sulla scena, Anne Corlett riesce a riflettere sugli aspetti più disparati dell'umanità.
Jamie è una delle componenti del romanzo che mi hanno lasciato perplessa. Una protagonista che non fa, pensa o prova sempre la cosa giusta ma più spesso quella sbagliata. Una protagonista che si trova ad affrontare situazioni terrificanti e ben più grandi di lei e che, in qualche modo, agisce. Una protagonista codarda che scappa invece di risolvere i problemi. Una protagonista capricciosa, egocentrica, prepotente e con cui non è così facile entrare in sintonia. Un personaggio che, come il resto della storia, ci ricorda che siamo tanti e diversi, e che ognuno ha i suoi desideri, modi di essere e di pensare che possono essere diversi dai nostri, ma che questo non li rende per forza sbagliati. E che l'unico modo con cui si può sperare di vivere insieme è accettarsi, provare a capire, lasciare il centro indiscusso del palco per venirsi incontro. E che tutti meritano di venire, almeno, ascoltati.

Lo spazio tra le stelle, l'ho già detto, è un libro che mi ha lasciato perplessa e su cui rimuginerò, credo, ancora per un po'. Ma in modo positivo, chiedendomi che cosa mi ha insegnato?. E se anche non posso dare ancora una risposta completa, so già che non sarà poco.
Buona lettura!



Commenti

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Dream Magic" by Joshua Khan

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale

News: Hybrid's Legacy Saga - Contest Fotografico