Recensione "Lo stagista inaspettato"


E' sabato sera e sei appena uscita dal ristorante giapponese dopo un'abbuffata di sushi con le amiche; una di quelle che solo a pensare a delle alghe è off limits almeno per il prossimo mese. Ed ecco che arriva la domanda fatidica. «Che si fa ora?»
E' questo l'inizio di una confusa avventura, che ci ha infine portato, senza che neanche noi avessimo ben compreso come ci fossimo giunte, sulle poltroncine del cinema. Venticinque lunghi minuti di trailer e varia pubblicità indesiderata; poi, finalmente, il film inizia.

Lo stagista inaspettato

Che dire di questo film? Quando le luci, in sala, si sono spente, non sapevamo neanche noi cosa dovevamo aspettarci. In fila alle casse, avevamo frettolosamente sbirciato il trailer dagli schermi dei nostri smartphones e con l'audio praticamente inesistente. Fortunatamente, ora sono in grado di fare un riassunto migliore di quello che, erroneamente, prima di vedere la pellicola, pensavamo fosse un sunto perfetto.

Ben è un settantenne, vedovo ed in pensione. Le ha provate davvero tutte per ingannare il tempo; eppure, nelle sue giornate super impegnate, tra lezioni di yoga e corsi di Cinese Mandarino, resta sempre un profondo senso di vuoto. Non riesce a resistere, perciò, quando scopre il programma di stagisti senior promosso dalla startup About The Fit, un e-commerce di abbigliamento. Ben inizia pieno di entusiasmo il lavoro in questo mondo così nuovo e familiare allo stesso tempo, e gli viene assegnato il ruolo di assistente della fondatrice dell'azienda, Jules, più giovane di lui di 40 anni. Quest'ultima è una control freak perfezionista, che vuole gestire al meglio la sua azienda, essendo presente (o almeno provandoci) ad ogni singola attività di quest'ultima. Se ciò la rende una dirigente eccezionale, però, la sua vita personale non può che risentirne; ed in questa frenetica confusione, Jules vede il suo stagista unicamente come un inutile, ulteriore, peso. Sarà possibile una collaborazione tra "vecchi" e "giovani"?

Prima di aggiungere altro, ci tengo a specificare che Lo stagista inaspettato (The Intern in originale) è una commedia di Nancy Meyers, e che i protagonisti sono interpretati da Robert De Niro ed Anne Hathaway. Mentirei se non dicessi che queste informazioni sono state decisive nella scelta del film. Non mi sono pentita neanche per un secondo di essere finita in quella sala, nonostante i vicini di poltrona alquanto molesti alle nostre spalle. L'ho trovato un film fresco, decisamente divertente, ben fatto e ben recitato (e come poteva non esserlo, vista la scelta del cast?), e con qualcosa da dire.
Credo che parlare della vecchiaia e della giovinezza non sia mai facile; e, sicuramente, i tabù della nostra società non aiutano. Eppure, credo che Lo stagista inaspettato faccia una bella analisi di questi temi, e proponga un interessante e ben sviluppato confronto tra generazioni. E' difficile non apprezzare il rapporto che si instaura tra Ben e Jules (e gli altri personaggi); è difficile non apprendere qualcosa. Molto bella è anche la forza di vivere, il coraggio, lo sforzo e la gioia del mettersi in gioco di Ben, che invece di arrendersi alla malinconia ed al rimpianto, a cui è facile cedere giunti in questa fase della propria esistenza, continua a voler far parte del mondo, a vivere e a godersi, come gli è possibile, la vita. Prende la sua anzianità e ne fa un punto di forza. Credo sia un messaggio bellissimo da mandare, soprattutto nella nostra società del forever young.
Sicuramente Lo stagista inaspettato non è una di quelle pellicole che spiegano il senso dell'esistenza e dell'universo (e davvero non ne ha la pretesa), eppure resta piacevole, in grado di proporre un bello e valido confronto, e di lasciare, tra una risata e l'altra, diverse emozioni e tanti stimoli di riflessione.

Se non avete programmi per il prossimo sabato sera, provate a "perdervi" per la città, lasciandovi trasportare dal caso. Chi sa che non capiti anche a voi di trovarvi in una sala di un cinema, a vedere un film che, forse, è lì anche e proprio per voi.
Buona visione!




Commenti

Letture del mese

Recensione "Once Upon A Zombie - Il colore della paura" by Billy Phillips e Jenny Nissenson

Recensione "The Dark Hunt - Il Tempio degli Abissi" by Julia Sienna

Recensione "I figli della tempesta" by Francesca Noto

Recensione Multipla "Caraval" by Stephanie Garber

Review Party: "Dream hunters - Il ponte illusorio" by Myriam Benothman

Blog Tour - Ad ogni costo